fbpx

società

L’essenziale è visibile sul feed? Il “guardare” nell’era di Instagram

Ecco il mio segreto. È molto semplice: non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi. L’essenziale è invisibile agli occhi, ripeté il Piccolo Principe per ricordarselo.  Antoine de Saint-Exupéry ci insegna che quello che conta davvero nella vita va oltre le apparenze e la superficialità. Riprendendo le sue parole (forse con …

L’essenziale è visibile sul feed? Il “guardare” nell’era di Instagram Leggi altro »

zoo umani

Zoo Umani e Europa Coloniale

Storia degli zoo umani Gli zoo umani erano luoghi adibiti a mostrare pubblicamente un gruppo di uomini allo stato “naturale” e “primitivo” per suscitare curiosità o intrattenimento. Pensare a una cosa del genere nel mondo di oggi sarebbe scandaloso ma si tratta di un avvenimento reale avvenuto nel passato Europeo e che spesso viene facilmente nascosto …

Zoo Umani e Europa Coloniale Leggi altro »

Libertà è Partecipazione, confini sfocati tra uomo e natura

Da un’opera intitolata “Le funzioni mentali  delle società inferiori”, scritta nel 1911, non ci si aspetta molto altro che un contributo ulteriore alla teoria evoluzionistica.  Eppure Lucien Levy-Bruhl sorprende il pubblico con la parte centrale della sia teorizzazione, che si trova di fatto a dialogare col concetto di “rappresentazioni collettive” tipiche della Scuola di Durkheim.  …

Libertà è Partecipazione, confini sfocati tra uomo e natura Leggi altro »

pirati

Modernità sociale nell”Epoca d’Oro’ della pirateria

«Nature, we see, teaches the most Illiterate the necessary Prudence for their Preservation […] these Men whom we term, and not without Reason, the Scandal of human Na- ture, who were abandoned to all Vice, and lived by Rapine; when they judged it for their Interest […] were strictly just […] among themselves.» Captain Charles …

Modernità sociale nell”Epoca d’Oro’ della pirateria Leggi altro »

Tutto il mondo (o quasi) in un genoma: intervista ai ragazzi del progetto “Identità Sconfinate”

Accenni al concetto di identità Francesco Remotti parla di identità come una costruzione irrinunciabile per l’uomo (Remotti, 1996), un rassicurante appiglio psicologico di fronte al fluire degli avvenimenti e delle circostanze sociali. Uniforme, definita, coerente, si configura come un meccanismo di difesa contro la pluralità del mondo. La complessità di connessioni e relazioni è percepita …

Tutto il mondo (o quasi) in un genoma: intervista ai ragazzi del progetto “Identità Sconfinate” Leggi altro »

C’è vita dopo la morte? L’afterlife digitale e i memoriali su Facebook

C’è vita dopo la morte? La classica domanda su cui filosofia, scienza e religione hanno dibattuto per secoli. Non è obiettivo di questo articolo presentare o discutere le principali teorie a riguardo, ma porre la domanda da una prospettiva diversa. Partiamo dal concetto di “identità digitale”: tutti noi, o quasi, abbiamo un profilo Facebook. Entro i confini …

C’è vita dopo la morte? L’afterlife digitale e i memoriali su Facebook Leggi altro »

Laboratori Utopici – Le Kibbutz

Le comunità egualitarie come le Kibbutz, sono certamente uno dei sogni etnografici più gettonati tra antropologi e sociologi. Le ragioni possono risultare abbastanza ovvie, infatti, per chiunque studioso o non che idealizza un mondo più giusto, questi esperimenti sociali sono quanto di più ispirante si possa trovare nella storia umana moderna. La ricerca di una …

Laboratori Utopici – Le Kibbutz Leggi altro »

Stregoneria infantile e destrutturazione sociale in Congo

La stregoneria in Congo è un fenomeno contemporaneo, e la dinamica sociale che ne deriva è quantomai attuale nel dibattito antropologico. Attraverso un processo di riconfigurazione delle credenze tradizionali e di creazione di un animato sincretismo religioso, dagli anni Novanta occupa uno spazio sempre più rilevante nella realtà urbana.  Dobbiamo a Evans-Pritchard (1902 – 1973) la comprensione …

Stregoneria infantile e destrutturazione sociale in Congo Leggi altro »

Immaginari preconfezionati e soggettività a confronto. Il turismo come percorso di conferma

Riflettere criticamente su un fenomeno di massa come il turismo significa chiedersi che tipo di soggettività produce oggigiorno. Il turista contemporaneo ha fatto propria una visione stereotipata dell’alterità; inserito in un circolo vizioso, da un lato trae stimolo da icone precodificate, dall’altro alimenta egli stesso questo complesso di immagini producendo altrettante stereotipizzazioni attraverso la fotografia. …

Immaginari preconfezionati e soggettività a confronto. Il turismo come percorso di conferma Leggi altro »