fbpx

Clown Porn, ciò che non sapevi sui clowns Pt.1

The subjects of clown sex and pornography have received relatively little attention in the hallowed halls and ivory towers of academia.1Benjamin Radford, 2016:89, Bad Clowns, University of New Mexico Press

Il pagliaccio è forse la figura più rimaneggiata nei secoli, le rughe del suo volto cambiano nel tempo senza mai invecchiare e i contesti in cui lo ritroviamo sono molteplici. I più conosciuti sono forse i clown felici, indenni, che non dicono mai di no. Il perfetto connubio tra Bianco e Augusto che ha attraversato i secoli.

Negli ultimi decenni è comparsa la figura del Clown Porn che prende le mosse dagli attori comici dell’Antica Grecia che si avvicendavano a mostrare le proprie grazie durante le processioni falloforiche. Uno strano scherzo della psiche umana li ha trasformati in ciò che vediamo oggi.

Bad Clowns, il capolavoro di Radford
Copertina di Bad Clowns, Benjamin Radford
Copertina di Bad Clowns, Benjamin Radford

Benjamin Radford nel suo libro Bad Clowns2Radford, Benjamin. Edition: First edition. Albuquerque : University of New Mexico Press. 2016 pubblicato nel vicino 2016 esamina i cattivi clown e cosa li ha portati a diventare icone della cultura pop.

Un viaggio alla ricerca dei motivi che spingono alcuni clown al fetish di cipria e labbra tinte.

Dato l’assunto popolare che immaginerebbe i clown privi di genere, appare ossimorico il capitolo del libro di Radford intitolato Carnal Carnival: Buffoon Boffing and Clown Sex.

Infranti i limiti del pensabile, Radford si avvicenda in una lettura razionale dei clown resi celebri dalla loro attività nel vasto mondo del BDSM, bondage and domination; sadismo e masochismo.

La cinematografia erotica riprende molto spesso il clown porn come figura violenta, ma non è esattamente con questo proposito che è nato.

Origini del Clown Porn
Torta alla crema raffigurante un pagliaccio
Torta alla crema raffigurante un pagliaccio

O forse un feticismo da clown inizia con l’imprinting. Forse il piccolo Johnny ha avuto la sua prima erezione seduto sulle ginocchia di un clown, o i grandi piedi di Bozo si sono sentiti bene sul clitoride della piccola Janey mentre giocava all’aeroplano sulla sua scarpa.3Bruce 2002

La perversione è uno dei meandri più delicati della nostra mente.

Il più celebre film erotico in tale ambito è Clown Porn, nato da un’idea di Chris Spoto, residente a Ocean Beach, California. Ma cosa rende speciale questa pellicola? Probabilmente la mancata intenzione del regista di creare uno dei più grandi fetish della storia.

Alla fine della maggior parte di queste scene, c’è trucco da clown ovunque e, in realtà, c’è un sacco di gente fetish a cui piace davvero questa roba a causa del casino che è stato fatto. Anche in questo caso, non è quello per cui abbiamo girato, ma abbiamo toccato accidentalmente un sacco di feticci. Ci deriva dalle tipiche idee associate ai clown, abbiamo usato torte alla crema. Beh, questo è un feticcio di nicchia assoluto. C’è. . . Vediamo, mi sono scordato di come si chiama splatter? Gente che si eccita con le torte alla crema.4Morlan 2011

Il significante c-l-o-w-n conduce normalmente ad una nuvoletta nella nostra mente in cui stanno stretti bambini, torte di compleanno, colori e spesso maschere che nel tempo hanno portato al tragico fenomeno della coulrofobia, la paura dei clown. Mai avremmo pensato al fetish che si nasconde dietro l’altro sguardo, quello cui molti sono ben lungi dall’arrivare.

Leggi anche:  Rifugi illusori. La disinformazione in materia di immigrazione

Eppure le torte alla crema sembrano condurre al mondo del piacere molte persone e non solo per il gusto di panna montana e vaniglia.

Quanto c’è di vero? 

Un processo di creazione inconsapevole ha portato Chris Spoto ad alimentare le fervide menti degli spettatori, che descrive così gli scenari della sua creazione:

Ci sono dei veri pagliacci e fanno davvero sesso con vere donne. Si vede il pollo di gomma che viene schiacciato contro il petto e la macchia di trucco trasferito intorno alla vulva bruciata dal rasoio.5Benjamin Radford, 2016:91, Bad Clowns, University of New Mexico Press

Le risorse del clown, si sa, sono infinite. È emozionante immaginare la moltitudine dei trucchi che il mondo erotico favorisce. Il pollo di gomma normalmente assunto dai clown per girare gags comiche, è ora un addobbo degno della vetrina di un sexy shop. La strumentalizzazione della figura del clown ha portato grandi progressi in questo campo.

La figura del Bianco
Il clown Pennywise
Il clown Pennywise

Nella tradizione teatrale occidentale esistono due figure di pagliaccio: il Bianco e l’Augusto, incarnati da diversi clown nella storia. Il Bianco comanda, l’Augusto ubbidisce, a modo suo.

Generalmente nelle gags erotiche il clown non è più un Augusto, vittima consapevole e divertita degli schermi del Bianco. Egli è il Bianco, domina, tanto che la categoria dei Clown Dom (clown dominante) è la più diffusa oggi nel mondo BDSM. Domina dunque il proprio corpo e quello altrui, il primo che si trovi sottomano.

Se tale scenario vi appare come un incubo, c’è chi è d’accordo con voi:

You will witness the terror of clowns ejaculating and being ejaculated upon, and once you have it is something you can’t unwatch. Pray for a miracle. Pray for a stroke. It won’t matter. The images will race through dead cells, leap like lightning across burned out neural pathways, and sear themselves into the backs of your eyes like the word PAUSE into the center of your old TV. A knitting needle in your eye will make you forget your own name, but it won’t ever take away Clown Porn. 6Parsons 2005

Di dovere riportare questa citazione in lingua originale, per non scalfirne l’enfasi. Un ferro da maglia negli occhi potrebbe farvi dimenticare la vostra identità, ma non Clown Porn, ammette Parsons.

Leggi anche:  Libertà è Partecipazione, confini sfocati tra uomo e natura

C’è chi è di questo avviso e chi, talvolta, si eccita con una torta alla crema.7People who get off on cream pies. Morlan 2011

Altri articoli di Giulia che ti potrebbero interessare:

Bibliografia:

Facebook Comments