fbpx

Antropologia Applicata

Come fare ricerca? Un’etnografia a Venezia

Etnografia nel ghetto ebraico di Venezia: metodi di ricerca Questa ricerca etnografica analizza l’impatto del turismo veneziano nel ghetto ebraico, con lo scopo di studiare in particolare l’influenza che esso ha apportato nel settore gastronomico del quartiere. Vi consigliamo la lettura della prima parte dell’articolo per una comprensione più approfondita sul tema, dato che questa sezione si occuperà …

Come fare ricerca? Un’etnografia a Venezia Leggi altro »

quarantena

Cosa fare in quarantena? L’idea di tre antropologi e filmmaker

Quarantena, un documentario collettivo Cos’è la quarantena? L’etimologia della parola deriva dal lontano secolo XV, quando la Repubblica veneta istituì una vera e propria polizia sanitaria marittima che aveva il compito di confinare i malati o i sospetti di peste che arrivavano via mare per, appunto, un periodo di quaranta giorni, probabilmente in omaggio al …

Cosa fare in quarantena? L’idea di tre antropologi e filmmaker Leggi altro »

L’invisibilità della bulimia: parole e immagini

Vorrei condividere con HomoLogos un progetto a cui ho lavorato durante il mio scambio Overseas presso la ANU, in Australia, per un corso di antropologia medica: ogni gruppo in cui eravamo stati divisi doveva scegliere un tipo di disturbo mentale su cui svolgere una ricerca, per poi creare un volantino informativo, un podcast oppure un …

L’invisibilità della bulimia: parole e immagini Leggi altro »

Professione antropologo: verità, realtà, riflessività

«L’etnografia è un genere di scrittura, un buttar giù cose sulla carta?» si chiedeva Geertz (1988). La ricerca etnografica è stata variamente criticata negli ultimi trent’anni sia dagli studiosi stessi che dai popoli indigeni. E’ poi stata combattuta a lungo una violenta controversia tra ricercatori quantitativi e qualitativi su quale metodo fotografasse la realtà in …

Professione antropologo: verità, realtà, riflessività Leggi altro »

Professione antropologo: il lavoro sul campo

Malinowski (1922), l’inventore del concetto di osservazione partecipante, notava che l’osservazione aggiunge carne e sangue al lavoro scientifico. Tuttavia l’espressione “osservazione partecipante” è in realtà un ossimoro, in cui la partecipazione, cioè il tentare di diventare un “nativo marginale” e l’esigenza di essere scientificamente oggettivo secondo i canoni del pensiero razionale occidentale, sono messi insieme …

Professione antropologo: il lavoro sul campo Leggi altro »